Home > Cinema > “Trovarsi un pò….Ricominciare…” 7° Lanuvio day

“Trovarsi un pò….Ricominciare…” 7° Lanuvio day

Lanuvio Visioni 7°ter

Film 7° Lanuvio day;
-  ‘Il figlio della sposa’ di Juan José Campanella (2001); 123 min.
-  ‘Meduse’ – di Shira Geffen e Etgar Keret (2007); 78 min.
-  ‘A scanner darkly’ di Richard Linklater (2006) con Keanu Reeves; 96 min. (da un racconto di Philip Dick)

Guarda la scheda

Ad Ottobre riprenderanno  al cineclub ed in libreria le nostre serate.

Nuovi e vecchi film, i libri che li hanno ispirati, i nostri commenti sulle storie.

Guarda il programma dei prossimi film

Tag:
  1. Pino Moroni
    26 Settembre 2010 a 22:29 | #1

    Il casale di Sandro non è più una sorpresa. Bella giornata assicurata. In tutti i sensi. La ospitalità del padrone (e padrona) di casa, la familiarità dei molti amici, ormai pluriennali. La pappatoria sempre originale. Ed infine quello per cui ci incontriamo: i film. Grande sorpresa Il figlio della sposa(2001) di Julio Josè Campanella che avevo considerato il miglior regista dell’altro anno con il bellissimo Il segreto dei suoi occhi(2009). Attenzione c’è anche Luna de Avellaneda(2004). Tutti con quel grande attore interprete Ricardo Darin.
    Che dire: sempre un agrodolce che fece la fortuna della commedia all’italiana. Con delle ferree sceneggiature del regista con il sodale Fernando Castets, piene di idee, sentimenti, storie. Maledetti quei registi che non ci raccontano più storie, ma navigano a vista raccontando astrusità vuote (sia in film ‘impegnati’sia in film d’evasione) e tutti quelli che non capiscono il cinema vanno dietro ad elogiarli.
    Ho avuto qualche riserva su Meduse, ma la cinematografia Israeliana è da tenere d’occhio, perchè ha sempre da dire qualcosa. Comunque sempre meglio di tanti altri.
    Sinceramente non mi è piaciuta la struttura tecnica del montaggio a tesi (dico io) o a spezzoni. Mi spiego: prendi uno o più interpreti e li fai recitare scene. Poi prendi la moviola e fai uno spezzatino di storia dell’uno attaccata alla storia degli altri. I grandi registi, come Altman, li fanno anche incrociare, e fanno dei capolavori,ma bisogna saperci fare. E poi anche qui spesso dietro la scena puoi non trovare nulla. E’ l’inesperienza forse. O perchè è girato a quattro mani…
    Spero che il terzo film sia stato buono. Scusate la fuga. Saluto affettuosamente tutti.

  2. Marina
    1 Ottobre 2010 a 9:18 | #2

    grazie della preziosa giornata e della simpatica accoglienza e al padrone di casa anche per la gentilissima ospitalità.

Codice di sicurezza: